Allergie alla pelle: in aumento quelle causate da cellulari, computer e batterie

Spesso non ce ne rendiamo nemmeno conto, ma ogni giorno la nostra pelle viene messa a contatto con numerose sostanze inquinanti immesse nell’ambiente che possono procurare irritazioni e reazioni allergiche.

Ma questo non rappresenta affatto una novità, poichè quello che preoccupa maggiormente gli esperti è il crescente sviluppo di allergie e irritazioni causate dai metalli pesanti e dei nanomateriali ormai presenti in oggetti di uso quotidiano come cellulari, computer, batterie, contenitori per alimenti, applicazioni dentali.

A queste, inoltre, vanno anche aggiunte tutte quelle reazioni alla cute causate da prodotti quali bigiotteria, shampoo, deodoranti, tinture per capelli, farmaci e cosmetici.

Gli esperti del Congresso dei Dermatologi e Allergologi dell’ambiente, a tal proposito hanno spiegato che da qualche tempo a queste parte è stato registrato un aumento di dermatiti allergiche causate dal nichel e dal cromo contenuti in questi oggetti, specialmente nei cellulari, spesso messi a contatto con il viso e con l’orecchio.

Come facile prevedere, la categoria più colpita è quella dei giovani, per il loro uso frequente e continuo del cellulare.

Le reazioni più comuni sono la dermatite irritativa e quella allergica. La dermatite irritativa si sviluppa quando una sostanza irritante danneggia la pelle causando prurito, desquamazione e arrossamento della pelle. Frequenti le irritazioni nei soggetti predisposti e con pelli sensibili a detergenti, detersivi e prodotti cosmetici.

La dermatite allergica, invece, si verifica in persone che sono allergiche a uno o più ingredienti di un prodotto specifico e quando il sistema immunitario del corpo reagisce contro la sostanza che ritiene estranea e dannosa.

A tal proposito, Ornella De Pità, dell’Istituto Dermopatico dell’Immacolata, e Antonio Cristaudo, dell’Istituto San Gallicano, hanno spiegato:

“A fronte di quanto pervenuto, è importante tenere sotto controllo le nuove sostanze inquinanti immesse nell’ambiente e il loro effetto sulla cute come primo organo che ne manifesta i sintomi, ma che può avere gravi implicazioni anche a livello sistemico…”

Le cure disponibili per queste dermatiti allergiche da contatto sono creme antistaminiche locali e pomate cortisoniche.

Il nichel generalmente è utilizzato sulla superficie dei telefoni cellulari per ragioni estetiche, ma è possibile trovarlo anche in componenti interne come il diaframma del microfono, i collegamenti elettrici e i condensatori e può essere, in diversa misura, una delle componenti chimiche della batteria.

Purtroppo, però, è molto difficile per un consumatore sapere quale percentuale di questi metalli sia presente nel cellulare che si accinge ad acquistare.

Per tal ragione, se già si è ricevuta una diagnosi di dermatite allergica da contatto, si consiglia di comprare smartphone e cellulari con il rivestimento esterno in plastica.

Nel caso di cosmetici e altri prodotti per la pelle, invece, deve essere buona abitudine leggere sempre le indicazioni contenute sulle etichette, come gli ingredienti ad esempio, e preferire i prodotti privi di sostanze più dubbie.

Molto importante è anche non lasciarsi abbindolare dagli slogan “naturale”, “non allergenico”, “clinicamente testato” e simili: per scegliere dovete solo basarvi sulla lista di ingredienti riportata sulla confezione, che da’ le uniche indicazioni veramente utili.

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Daniela Bella

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Daniela Bella il 10/11/2013
Categoria/e: Primo piano, Sostanze Nocive.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655