Come amare i piccioni: la storia del signore degli uccelli

I piccioni sono animali poco amati dall’uomo. Vengono considerati animali di serie B, da eliminare perchè sporcano, perchè danno fastidio, perchè sono tanti e non suscitano alcun tipo di attrazione.

Eppure questo sentimento diffuso è da correggere il prima possibile. Chi ama gli animali dovrebbe amare TUTTI gli animali, anche i piccioni, i ragni, i serpenti, le lucertole, le formiche… Amare gli animali non è addomesticarli, mettere loro il guinzaglio e trattarli come giocattoli. Amare gli animali vuol dire rispettarli, convivere serenamente con loro, conoscere il loro modo di vivere, aiutarli a vivere in libertà e nel loro habitat naturale.

Purtroppo il pregiudizio, la superficialità e l’ignoranza non ci fanno amare gli animali nel modo giusto. E questo nostro modo errato di pensare all’amore per gli animali ci porta a considerare i piccioni degli esseri inferiori.

Fortunatamente non tutti la pensano così.

Questa è la storia di Giuseppe, il signore che ama i piccioni

A raccontarci la storia di Giuseppe è la fotografa Nevia Elezovic che ha voluto testimoniare con immagini meravigliose la vita di quest’uomo.

Queste le parole di Nevia Elezovic che descrivono la storia di Giuseppe:

“Giuseppe ha 69 anni. È di origine calabrese.
Vive in Francia dal 18.08.1970, ma ha conservato sempre la propria cittadinanza italiana.
Ha vissuto in un bell’appartamento a Marais, 
nel quartiere più vecchio e al contempo moderno di Parigi. 
Ha lavorato in banca. Ha pagato le tasse. Ha avuto dei figli.
Nove anni fa, una volta andato in pensione, ha cominciato a dare da mangiare ai piccioni vicino casa.
Non aveva idea che tale atto, così semplice ed innocuo, gli avrebbe portato via quella stessa casa.
Giuseppe è stato cacciato dal proprio appartamento perché continuava a nutrire, nonostante le minacce, i piccioni del quartiere.
Ha cominciato a vivere in macchina.
Ma questo è stato solo l’inizio.
Giuseppe ha subito diverse aggressioni verbali e fisiche. 
Se le prime hanno scavato un solco nella sua anima solo lui lo sa. 
Certo è che le seconde gli hanno procurato gravi conseguenze per la salute. 
Ogni mattina Giuseppe si sveglia prima dell’alba e comincia ad andare incontro ai suoi amici volatili i quali, puntuali, lo aspettano in diversi punti della città, fino al calar del sole.
Sono oltre 70 chili di grano, quelli che Giuseppe dona loro quotidianamente -in pratica, tutti i soldi della sua esigua pensione.
Ha 13mila euro di multa, che paga e pagherà fino al 2025.
Per i passeri ci sono le brioches, che sono più nutrienti rispetto al pane normale. 
A fine giornata consegna i piccioni malati che ha trovato lungo il suo iter ad un’associazione che si occupa di curarli. 
Poi torna alla sua camionetta, si stacca dalle borse che ha trascinato per quasi venti ore e va a dormire. Giuseppe chiede giustizia: chiede di riavere l’appartamento che ingiustamente gli è stato tolto, chiede che chi l’ha buttato in strada venga processato per abuso di potere, chiede che la sua storia non venga dimenticata e che i piccioni, come lui, possano vivere in pace, nella città più romantica del mondo”.

E queste alcune delle meravigliose immagini che accompagnano questa toccante storia accompagnate dalle parole stesse di Giuseppe. Se volete vedere il fotoreportage completo visitate la pagina facebook di Nevia Elezovic.

“Una canzone degli anni '60 dice “little things mean a lot””

“Una canzone degli anni ’60 dice “little things mean a lot””

“C'è da chiedersi chi sono gli animali.”

“C’è da chiedersi chi sono gli animali”

“Come dicevano i latini “la pazienza è la virtù dei forti””

“Come dicevano i latini “la pazienza è la virtù dei forti””

“La vedi quella finestra? Qua ho ricevuto 31 secchi d'acqua.  Una volta era inverno.  Facevano -7 gradi”

“La vedi quella finestra?
Qua ho ricevuto 31 secchi d’acqua.
Una volta era inverno.
Facevano -7 gradi”

“-mi appoggio alla gamba per non scendere. -perché non hai un bastone? -perché il bastone lo usano per picchiarmi”

“-mi appoggio alla gamba per non scendere.
-perché non hai un bastone?
-perché il bastone lo usano per picchiarmi”

“In questo quartiere vogliono uccelli zero”

“In questo quartiere vogliono uccelli zero”

“Sono gli animali più inoffensivi. Non fanno male a nessuno”

“Sono gli animali più inoffensivi. Non fanno male a nessuno”

 

“Io ho imparato di più sugli umani da quando mi occupo dei piccioni  che in tutto il resto della mia vita”

“Io ho imparato di più sugli umani da quando mi occupo dei piccioni
che in tutto il resto della mia vita”

“La gente, quando li vede così, pensa che sono molti e li vorrebbe ammazzare.  Invece di vederli come semplici animali affamati”

“La gente, quando li vede così, pensa che sono molti e li vorrebbe ammazzare.
Invece di vederli come semplici animali affamati”

“La cosa che preferiscono di più non è mangiare.  È la libertà”

“La cosa che preferiscono di più non è mangiare.
È la libertà”

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 04/08/2014
Categoria/e: Primo piano, Rassegna Etica.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655