Germogli: tutto quello che non sai. Una piccola miniera di benefici

I germogli sono alimenti molto benefici per la nostra salute perché sono una vera miniera di vitamine come la A, la B e la K e Sali minerali come calcio, ferro e rame ;questi speciali alimenti sono un’importante fonte di clorofilla ma anche di oligoelementi e di proteine.
Sono ideali per preparare fresche insalate, per arricchire zuppe e minestre ma, non di rado, vengono impiegati anche per i dessert. Sono ottimi non soltanto crudi ma anche cotti, preferibilmente con metodologie poco aggressive, come la cottura al vapore; un modo semplice e salutare è quello di consumarli sotto forma di gustosi e nutrienti centrifugati.
I germogli sono utilizzati da sempre in alcune antiche culture, come per esempio in India dove vengono ampiamente utilizzati non solo come cibo ma anche a scopo curativo.
Questi preziosi germogli si possono coltivare anche a casa, seguendo diversi metodi; in commercio si trovano appositi germogliatori e varie bustine di semi, come per esempio quelli di ceci, di piselli, di erba medica o di avena. Non è necessario avere nessuna pratica e, dopo pochi giorni, si potranno ammirare i primi germogli.
In alternativa, è possibile far germogliare i semi anche con tecniche più semplici e con strumenti meno complessi.
Un punto fondamentale riguarda la qualità dei semi infatti, è necessario che siano provenienti da agricoltura biologica anche perché quelli che hanno subito delle modificazioni di tipo genetico , sono sconsigliati per questioni di salute.
Ogni tipologia di seme ha delle caratteristiche specifiche e quindi è indicata per ottenere particolari benefici. I germogli di rucola hanno un sapore molto particolare ed aromatico; sono utili per migliorare le difese immunitarie si accompagnano molto bene anche a salse a base di yogurt.

I germogli di fagioli, per esempio, sono molto ricchi di proteine e sono ideali per la salute del fegato; invece, quelli di ceci sono ottimi per migliorare la funzionalità del fegato e per il benessere dell’intestino. I germogli di avena facilitano l’eliminazione delle scorie, depurando il nostro organismo e rendendolo quindi più forte.
Molto versatili e facilmente reperibili anche già pronti, sono i germogli di soia. Questi contengono alte percentuali di sali minerali e sono ideali per chi pratica sport o per chi è debilitato.

Chi ha bisogno di rinforzarsi ma anche di fare il pieno di minerali, può provare i germogli di grano; questi sono anche un’importante fonte di proteine. Altrettanto utili sono i germogli di lenticchie, soprattutto per chi si sente affaticato o compie importanti sforzi fisici.
I germogli sono nutrienti e riescono a fornire sostanze indispensabili che difficilmente si possono introdurre con la dieta; infatti, già dal momento in cui i vegetali vengono raccolti, iniziano a perdere una parte delle loro sostanze nutritive. Questa situazione si aggrava col passare del tempo, anche perché, non di rado, i prodotti arrivano al consumatore dopo qualche giorno dalla raccolta.
In linea di massima, dopo il raccolto durano qualche giorno; per non perdere tutte le loro proprietà, sarebbe bene non aspettare per più di tre o quattro giorni. I germogli si possono tenere in frigorifero, su un vassoio oppure all’interno di una bustina di carta.

Eleonora Casula

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Eleonora Casula il 27/10/2013
Categoria/e: Alimentazione, Primo piano.



Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655