È uno dei maggiori esponenti della street art. Si sa di lui che è cresciuto a Bristol ma la sua vera identità è tenuta nascosta. Le sue opere sono spesso a sfondo satirico e riguardano argomenti come la politica, la cultura e l’etica.

Dipinto di Banksy realizzato sulla Israeli West Bank barrier, 2005
Dipinto di Banksy realizzato sulla Israeli West Bank barrier, 2005

La tecnica che preferisce per i suoi lavori di guerrilla art è da sempre lo stencil, che proprio con Banksy è arrivato a riscuotere un successo sempre maggiore presso street artist di tutto il mondo. I suoi stencil hanno cominciato ad apparire proprio a Bristol, poi a Londra, in particolare nelle zone a nordest, e a seguire nelle maggiori capitali europee, notevolmente non solo sui muri delle strade, ma anche nei posti più impensati come le gabbie dello zoo di Barcellona.

Ed ora e per tutto il mese di ottobre lascerà le sue tracce sugli edifici di New York. Le sue opere appaiono sui muri delle strade, pezzi d’arte, ma l’ultima opera ha pericolarmente colpito. Banksy ha infatto messo in opera un’istallazione mobile per protestare contro la macellazione.

Un camion carico di animali di peluche ha attraversato la città facendo sentirre i lamenti provenienti dai pupazzi, le sirene degli innocenti, ed è proprio questo il titolo dell’opera, “Sirens of the lambs”, una netta contrapposizione al film “Silent of the lambs” il “Silenzio degli innocenti”. Già perchè innocenti sono innocenti… ma di silenzioso non c’è niente in questi camion pieni di vittime designate.

Il video vi mostra l’effetto che ha avuto sui cittadini… a me personalmente ha fatto effetto… e a voi?