1-7 Ottobre: Settimana per l’Allattamento Materno. Eticamente vi regala una testimonianza ed una poesia!

“Quale più sacra proprietà che il latte materno per il piccolo bambino?Egli può dire come Napoleone imperatore: “Dio me l’ha dato!”.Sulla legittimità della proprietà non c’è alcun dubbio:il suo solo capitale,il latte,è venuto al mondo con lui e per lui. Tutta la sua ricchezza è lì:la forza di vivere,di crescere,di acquistare robustezza sta tutta in quel nutrimento…il segreto sta tutto in due parole:latte e amore” (M.Montessori).

Dall’1 al 7 ottobre di ogni anno si svolge la Settimana per l’Allattamento Materno in tutto il mondo. Un modo per diffondere e promuovere la pratica dell’allattamento al seno.

In tutte le città italiane sono organizzati corsi, incontri, visioni di filmati, letture di libri e tanto altro ancora per riflettere sulla fondamentale importanza di questo legame mamma-bambino.

Nel 1990 fu scritta La ‘Dichiarazione degli Innocenti’. Questo documento dichiara che l’allattamento al seno:

fornisce un’alimentazione completa ai neonati e contribuisce al loro pieno sviluppo e alla loro sana crescita;
riduce i tassi di morbilità e mortalità infantile diminuendo l’incidenza e la gravità delle malattie infettive;
giova alla salute delle donne riducendo i rischi di tumore al seno e alle ovaie, e aumentando l’intervallo tra una gravidanza e l’altra;
offre vantaggi economici e sociali sia a livello familiare che a livello nazionale;
-dà alla maggior parte delle donne un senso di soddisfazione se praticato con successo.

Eticamente vuole dare il suo contributo a questa settimana di sensibilizzazione regalandovi una testimonianza, quella della sottoscritta:

“Allattare, per me, non è solo cibo. E’ come abbracciare, baciare, sorridere a una persona. Allattando mi relaziono però ad un cucciolo d’uomo: un piccolo esserino che ha trovato nel mio seno il benvenuto alla vita. E’ normale, per me, allattare ad oltranza fino a che il cucciolo diventa grande: saprò io quando è ora di smettere perchè me lo farà capire lui. E’ come quando si tiene in braccio un bambino per consolarlo: arriverà il momento che non lo si potrà più fare perchè peserà troppo e perchè allora basterà una carezza, una parola, uno sguardo. E’ faticoso allattare, tanto quanto è meraviglioso: il cucciolo d’uomo dipende dalla mamma! Questa dipendenza si attenuerà pian piano per trasformarsi in sicurezza e indipendenza ma i passaggi della vita non devono essere obbligati. Al contrario devono essere conquistati! E così, assaporando i momenti di allattamento con il mio bambino, sorrido e mi gusto questa vicinanza. Un giorno ricorderò con tenerezza questo abbraccio spettacolare e sarò contenta di non averglielo negato ma di averlo consumato fino alla fine”.

Mio marito, uomo e papà meraviglioso, ha dedicato all’allattamento questa dolcissima poesia:

Un sorso di vita,

un abbraccio d’amore, 

ad un battito dal mio cuore!

 

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

 

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 02/10/2013
Categoria/e: Fiere ed Eventi, Notizie, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655