E’ accaduto in una frazione di Costa Volpino, in provincia di Bergamo.

Nell’unica prima elementare del paese c’erano 14 alunni stranieri e solo 7 alunni italiani. I genitori di quest’ultimi hanno deciso di ritirare i figli e di iscriverli in altre scuole.

L’integrazione con altre culture dovrebbe prendere piede soprattutto tra i banchi di scuola: se ciò non avviene nemmeno durante l’educazione scolastica il problema del razzismo non può che diffondersi ed espandersi.

Perchè questi genitori hanno fatto questa scelta? Per paura del diverso? O forse per il timore che il proprio figlio non riesca ad imparare adeguatamente a scuola?

Io penso che le lezioni di vita vere avvengono tramite l’incontro con l’altro, soprattutto se diverso da sè. Lingue, religioni e tradizioni diverse non possono che essere uno spunto per arricchirsi e non certamente un modo per impoverirsi.

Peccato per questi bambini… hanno ricevuto un pessimo esempio da parte dei genitori e hanno perso la possibilità di acculturarsi in modo alternativo e vero.

I bambini hanno tutti uguale valore: non abbiamo il diritto, noi adulti, di assegnarne uno più basso o uno più alto a seconda della cultura di appartenenza.

[Fonte: www.bergamonews.it]

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente