Palazzo della Civiltà Italiana, gioiello culturale d’Italia, è stato ceduto alla Francia

Non pensavo che la cultura potesse essere venduta ed invece…

Il Palazzo della Civiltà Italiana, palazzo storico voluto da Mussolini a Roma, sarà affittato a Bernard Arnault finanziere francese  considerato il quarto uomo più ricco del pianeta, capo della Lvmh ( Lous Vuitton Moet Hennesy spa) e in grado di  controllare marchi italiani come Bulgari, Acqua di Parma, Rossimoda, Pucci, Berluti, Loro Piana, e Pasticcerie Cova oltre a Fendi.

Per 15 anni pagherà un canone mensile di 240 mila euro.

Il palazzo diventerà la sede per sfilate e mostre di abiti firmate Fendi.

Gli italiani non potranno più visitarlo. Io penso che questo gesto sia un crimine: la cultura appartiene al suo popolo e non può essere venduta, affittata o ceduta. Gli italiani hanno il diritto di poter visitare i luoghi storici del proprio Paese.

Trasformare questo palazzo in un luogo di esposizione di abiti di lusso è davvero fuori luogo ed è scandaloso che ciò sia potuto accadere!

Voi cosa ne pensate?

[Fonte: www.losai.eu]

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente

Dott.ssa Elena Bernabè

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Dott.ssa Elena Bernabè il 23/07/2013
Categoria/e: Notizie, Primo piano.

Responsabile della redazione. Laureata in psicologia, appassionata di tematiche ambientali, animaliste ed equosolidali. Assetata di verità e disposta a tutto per ottenerla. Ama scrivere e creare in tutte le sue forme

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655