Data di scadenza: leggete prima di buttare via il cibo scaduto!

Tutti abbiamo annusato cibo nel frigorifero che ha appena passato la sua data di scadenza, e ci siamo chiesti se fosse sicuro mangiarlo o utilizzarlo in qualche modo.

Che si tratti di formaggio che ha fatto la muffa, di latte che è fermentato ed è diventato acido o di carne che è diventata traslucida con il tempo, ci siamo tutti chiesti se buttarlo o riutilizzarlo.

Naturalmente, si dovrebbe sempre fare attenzione, soprattutto se si è anziani, in stato di gravidanza o in cattive condizioni di salute. Tuttavia, non ho potuto fare a meno di sentire che la Food Standards Agency ha lanciato un avvertimento drammatico: molti stanno giocando con la nostra salute attraverso l’indifferenza e l’ignoranza su ciò che mangiamo.

Secondo l’Agenzia, non meno del 40 per cento dei consumatori sono disposti a mangiare cibo che va oltre la sua data di scadenza, mentre più di due terzi delle persone controllano la sicurezza dei prodotti semplicemente annusandoli o esaminando il loro colore… test irrimediabilmente inaffidabili.

L’Agenzia sostiene che, anche in conseguenza di questo approccio informale, la Gran Bretagna sta soffrendo di una epidemia di intossicazione alimentare, con 1,7 milioni di casi che si verificano ogni anno ormai. 

Mentre fanno bene a richiamare l’attenzione sulla necessità di igiene in cucina e una migliore aderenza alle date di scadenza, è sbagliato dare tutta la colpa per l’epidemia di avvelenamento al consumatore, dal momento che gran parte del cibo che compriamo dai supermercati – a base di carne cruda in particolar modo – è già pericolosamente contaminata, grazie alla fabbricazione agricola intensiva.

Le date di scadenza sono, naturalmente, una parte integrante della nostra distribuzione alimentare moderna, per cui i supermercati per promuovere il concetto di ‘spesa settimanale‘ con la cultura di ‘scorta’ per diversi giorni in anticipo, dà l’illusione di freschezza con vasti frigoriferi ad alta tecnologia.

Ma la realtà è che il modello tradizionale di consumo è molto più sicuro, quando la produzione veniva mangiata il giorno stesso nel quale veniva acquistata a causa della mancanza di refrigerazione, non si correvano i rischi di intossicazioni. 

Date di scadenza, ormai, sono una parte inevitabile della nostra società di vendita al dettaglio urbanizzata ed è sciocco ignorarle. Che cosa è fondamentale per capire, però, è la differenza tra le diciture delle etichette, qualcosa che sembra spesso di confondere i consumatori.

Da consumare entro” indica che può essere pericoloso mangiare il prodotto dopo la data indicata, mentre “Da consumare preferibilmente entro” significa che  il cibo non sarà più al suo apice di bontà ma non risulterà pericoloso. 

Quindi i biscotti digestivi o i biscotti d’avena potrebbero diventare un po’ morbidi dopo la data di scadenza, ma dovrebbero essere ancora perfettamente innocui!

Con così tante informazioni e consigli in giro, come possiamo essere certi di che cosa è sicuro mangiare?

Eccovi di seguito una guida ad alcuni dei principi fondamentali che dovrebbero tenere al sicuro la cucina …

Guida ai cibi

Come regola generale, le cose che sono molto salate (sottaceti, per esempio), zuccherine (miele o marmellata), fermentate (crauti) o secche (biscotti) sono a basso rischio di e si possono utilizzare. 

Perché? Beh, in sostanza, ci sono cinque modi per uccidere i batteri per garantire la sicurezza degli alimenti.

In primo luogo, il cibo può essere conservato in liquidi acidi come l’aceto, il processo che ci dà sottaceti. Si può mangiare sottaceti molto dopo la data impressa sul barattolo.

In secondo luogo, utilizzare grandi quantità di zucchero può essere un metodo molto efficace di conservazione, che è la ragione per la quale i prodotti molto dolci come la torta di frutta e e la marmellata possono essere consumati ben oltre la loro data di scadenza. In effetti, il miele recentemente scoperto in Egitto ha dimostrato di essere sia commestibile e perfettamente innocuo dopo circa 5.000 anni!

In terzo luogo, il processo di fermentazione, utilizzato in piatti come i crauti tedeschi, conserva il cibo in modo efficace, così come i metodi tradizionali di salagione, stagionatura ed essiccazione a base di carne e pesce. 

Correttamente fatto il salame italiano – non il tipo commerciale – può durare un anno intero, solo diventando progressivamente più secco, ma rimanendo buono da mangiare.   

Infine, e più semplicemente, dopo la cottura di qualsiasi prodotto si distruggerà la maggior parte dei batteri, in quanto non possono sopravvivere a temperature estreme. 

Per esempio, dove la carne è diventata scura a causa dell’esposizione all’aria, non è necessario buttarla, basta cuocerla a fuoco alto.

Tuttavia, una parola di avvertimento. Nonostante quello che alcuni pensano, il lavaggio della carne sotto l’acqua non fa alcuna differenza per i batteri contenuti all’interno. In effetti, può anche essere controproducente, e favorire la diffusione  di batteri sul lavello della cucina, sulle superfici e sui panni.

E ancora… Il pane andato a male va bene da mangiare se si taglia via la muffa.

Il formaggio a pasta dura come il cheddar anche se è coperto di muffa sulla parte esterna, basta tagliarla via e consumarne l’interno!

Lo stesso, tuttavia, non è vero per formaggi molli come il brie o camembert, che possono favorire i batteri nocivi, una volta che hanno perso la loro freschezza. 

Sorprendentemente, le date di scadenza non sono una preoccupazione con le uovaPossono ancora essere utilizzati in un pan di spagna oppure sode in un’insalata molto tempo dopo la loro data di scadenza, anche se non dovrebbero essere mangiate strapazzate, fritte o alla coque se sono state lasciate li per troppo tempo.

Nella stessa ottica, latte acido rende grandi le frittelle. L’atto di cucinare il latte uccide tutti i batteri nocivi presenti. Potete anche provare a lasciare andare a male il latte per farne un plum cake… sarete strabiliati da quanto è buono!

Di contro in nessun caso le carni devono essere consumati oltre la loro data di scadenzaPollame e carne di maiale sono di gran lunga le maggiori fonti di avvelenamento da cibo in Gran Bretagna, un problema aggravato dai metodi di allevamento di fabbrica che diffonde la contaminazione.

Un recente rapporto del gruppo Compassion in World Farming ha dimostrato che lo stress cronico imposto agli animali allevati intensivamente riduce notevolmente l’efficacia dei loro sistemi immunitari, che li rende più inclini a diventare pieni di batteri nocivi. 

Al contrario, si è riscontrato che, con gli animali ruspanti, i batteri pericolosi tendono a rimanere nell’intestino anziché penetrare la carne, mentre la loro capacità di foraggio all’aperto inibisce la crescita del virus E.coli.

Allo stesso modo, gli animali che vivono all’aperto beneficiano di luce solare che distrugge molti batteri, in particolare quelli che diffondono l’influenza suina e aviaria. I raggi UV del sole uccidono i batteri!!

I due terzi di tutto il pollo fresco in vendita in Gran Bretagna è già contaminato con i batteri CampylobacterNel peggiore dei casi, questo può essere fatale, soprattutto per chi è fragile fisicamente e per gli anziani. Si stima che ogni anno circa 100 cittadini britannici sono uccisi dal campylobacter.

Un’altra cosa da evitare sono i tramezzini e panini venduti in luoghi come le stazioni di servizio che sono messi insieme in enormi fabbriche. Essi possono poi stare per giorni confezionati prima di essere trasportati al venditore. Inoltre, i loro ingredienti, pollo o gamberi soprattutto cotti, comportano un rischio pesante di batteri nocivi.

E comunque per tutte le cose ci vuole un po’ di attenzione, comprando carne fresca da allevamenti biologici, frutta e verdura biologica o coltivandola da se ed evitando i cibi troppo elaborati, potremmo essere abbastanza sicuri di quello che mettiamo nei nostri piatti!

[Fonte dailymail.co.uk]

 

Valeria Bonora

Vuoi ricevere i nuovi articoli di EticaMente comodamente nella tua casella email?

Iscriviti alla Newsletter di EticaMente
avatar Articolo scritto da Valeria Bonora il 17/07/2013
Categoria/e: Anteprima, Notizie.

Sono eclettica, sempre alla ricerca di cose nuove, amo l’arte in ogni sua forma e gli animali. Mi piace leggere, scrivere e fotografare, ma soprattutto amo comunicare e trasmettere “qualcosa”. ~ “Tutti sono stati bambini. Ma pochi di essi se ne ricordano” ~ [Antoine de Saint- Exupéry]

Newsletter di EticaMente

Ricevi le nostre Notizie nella tua E-Mail


SpotLight

Favole e Fantasia
Accedi | Copyright 2010-2017 Eticamente.net è un progetto CiancioLab sas WebAgency - Partita IVA 04201560655