I bambini che rispettano gli animali, saranno adulti migliori

E’ quello che emerge da uno studio di un gruppo di psicologi di Cambrigde. Il modo di relazionarsi con gli altri passa anche attraverso il rapporto con gli animali, da qui nasce la consapevolezza che un animale è in grado di insegnare ad un bambino il rapporto con altre specie, altre razze, e ad insegnargli la coesistenza e l’interazione.

Inoltre il crescere dei bambini insieme agli animali, fa capire ai bambini come interpretare determinati segnali comportamentali, quali la paura, la rabbia, la diffidenza, la gioia e l’amore, tutte espressioni caratteriali che il bambino impara a riconoscere osservando un essere vivente sostanzialmente diverso da se. Questo servirà all’adulto a riconoscere e rispettare i vari comportamenti nei suoi simili.

La LAV (Lega AntiVivisezione) ha ideato il “Progetto Educazione” che ha l’intento di spiegare ai bambini il significato e il rispetto della vita.

Così insieme al Ministero dell’ Istruzione, la LAV, ha firmato un protocollo d’intesa con la finalità di “promuovere la diffusione e l’approfondimento dei temi dell’educazione al rispetto di tutti gli esseri viventi nelle scuole di ogni ordine e grado”.

Questi persorsi multi-attività sono un’occasione per un approccio responsabile verso gli animali. In più si imparano a conoscere le leggi che li tutelano e ad avere un comportamento corretto nei loro riguardi.

Sofia De Meo, responsabile bergamasca del “Progetto Educazione”, ha spiegato come: “all’interno dei percorsi proposti gli studenti (allievi dell’ultimo triennio delle scuole primarie e delle secondarie di primo grado) abbiano l’opportunità di crescere sul piano umano e culturale, imparando ad esprimere sentimenti, emozioni e attese nel rispetto di se stessi e degli altri e diventando capaci di operare scelte e assumere decisioni contro ogni forma di indifferentismo, violenza e fanatismo”.

Un’ottima opportunità per i bambini di conoscere gli animali e il loro modo di essere, di imparare l’empatia verso ogni essere vivente e sviluppare la consapevolezza e il rispetto per le specie diverse da quella umana. E tutto questo non può portare a niente che non sia buono, in fondo quello che si impara da piccoli ce lo si porta dietro anche da grandi!

•••••

Per maggiori informazioni sui percorsi didattici nelle scuole contattare Sofia De Meo – volontaria Lav e referente Progetto Educazione o Donato Ceci, referente Lav Bergamo al numero di telefono 3884618300 o scrivendo all’indirizzo lav.bergamo@lav.com

•••••

✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬✰✬

Volete essere sempre aggiornati su risorse ecologiche, animalismo, idee di riciclaggio, temi equosolidali e temi etici? 

Seguiteci sulla Fanpage di Facebook EticaMente